lunedì 9 novembre 2009

Preparasi al peggio

Da Ron Paul, Membro del Congresso americano, riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Un numero imprecisato di esperti sostengono che al momento abbiamo superato il peggio della recessione. Germogli verdi di ripresa stanno presumibilmente spuntando in tutto il paese e l’economia che è in crescita dovrebbe riprendere presto ad un tasso annuo dal 3% al 4%. Molte di queste sono le stesse persone che hanno insistito sul fatto che l’anno scorso l’economia continuava a crescere anche quando era chiaro che eravamo già in fase di inizio della recessione.
Una falsa ripresa è in corso. Mi vengono in mente le prospettive del 1930 quando gli esperti erano certi che il peggio della crisi fosse finita e che il recupero era proprio dietro l’angolo. L’economia e il mercato azionario sembrava stessero recuperando e c’era ottimismo che la recessione, come dicevano molti di quelli che ho detto prima, sarebbe finita in un anno o anche meno. Invece, le politiche interventiste di Hoover e Roosevelt causarono una depressione peggiore e il Dow Jones non tornò al livello del 1929 fino al 1954. Temo che il nostro stimolo e i programmi di salvataggio abbiano già fatto troppo per evitare che l’economia recuperasse in modo naturale e ciò si tradurrà in un altra bolla speculativa.
Ogni volta che la Banca Centrale interviene e pompa migliaia di miliardi di dollari nel sistema finanziario si crea una bolla che poi deve sgonfiarsi. Abbiamo visto i risultati dei tassi di interesse di Alan Greenspan che erano eccessivamente bassi: la bolla immobiliare, l’esplosione dei prestiti subprime e il successivo collasso della bolla che ha conivolto numerose istituzioni finanziarie. Invece di consentire al mercato di correggersi e scaccaire i peggiori eccessi del periodo del boom, la Federal Reserve e il Tesoro degli Stati Uniti si sono accordate per mettere i contribuenti sul gancio per migliaia di miliardi di dollari. Le banche e gli istituti finanziari che hanno avuto sui rischi più grande ed eseguito peggiori sono stati ricompensati con miliardi di dollari dei contribuenti, consentendo loro di sopravvivere e competere con i loro coetanei meglio gestite.
Questo non è nient'altro che la creazione di un’altra bolla. Nel tentativo di attutire l’economia dalla crisi peggiore del crollo della bolla immobiliare, la Federal Reserve ha assicurato che la correzione definitiva della sua difettosa politica economica sarà più grave di quello che sarebbe stato altrimenti. Anche con interventi massicci, la disoccupazione è attorno al 10% e destinata ad aumentare, gli stranieri stanno tagliando sugli acquisti di titoli del Tesoro e i bilanci della Federal Reserve rimangono gonfiati di una non precedente cifra di 2 trilioni di dollari. Qualcuno può realisticamente sostenere che qualche piccola variazione di alcuni indicatori economici siano un segno che la recessione è finita?
Ciò che è più probabilmente sta succedendo è una ripetizione della Grande Depressione. Potremmo avere fino ad un anno o poco più di una economia in crescita solo leggermente al di sopra della stagnazione, seguita da un calo della crescita peggiore di qualunque cosa che abbiamo mai visto negli ultimi due anni. Come il mercato immobiliare non riesce a tornare a qualsiasi senso di normalità, commerciale, immobiliare comincia a crollare e produttori di produrre i beni che non possono essere acquistati dai debiti a corto di consumatori, l’economia vacillare. Ciò andrà avanti fino ad arrivare ai nostri sensi e porre fine a questi sprechi di spesa del governo. L’intervento del Governo non può portare alla crescita economica. Dove viene il denaro dal programma per Tarp (Tesoro per comprare la carta bad bank), i volantini stimolo e il denaro per clunkers? Essa può venire solo dai contribuenti, da vendite di titoli del Tesoro o attraverso la stampa di nuova moneta. Pagare per questi programmi di gettito fiscale è pura redistribuzione, ma prende i soldi dalla tasca di una persona e la dà a qualcun altro senza creare nuova ricchezza. Inoltre, le entrate fiscali sono diminuite drasticamente, la disoccupazione è aumentata ma anche la spesa pubblica continua ad aumentare. Per quanto riguarda il debito del Tesoro, gli investitori cinesi e altri stranieri sono sempre più restii a comprare, conosciuti come quelli che screditano il dollaro. L’unica opzione restante è di far stampare dalla Fed nuovi soldi. Questa è inflazione. I prezzi più elevati condurranno ad un dollaro svalutato e ad un tenore di vita più basso per gli Americani. La Fed ha già supervisionato ad una perdita nel potere di acquisto del 95% del dollaro dal 1913. Se non arresteremo queste spese dissolute presto rischieremo l’iperinflazione e vedremo una svalutazione del 95% ogni anno.

Ron Paul

Nessun commento:

NOTA SUL COPYRIGHT©

ARTICOLI DI PIERMAFROST SONO COPERTI DA COPYRIGHT . POSSONO ESSERE LIBERAMENTE DIFFUSI A PATTO DI CITARE L'AUTORE E IL LINK DELLA FONTE.