giovedì 8 luglio 2010

Ecatombe del Golfo

Mi sembra doveroso riportare le conclusioni basate sulle informazioni trapelate da alcuni scienziati costretti al silenzio (informazioni esaminate da altri specialisti che ne confermano l'attendibilità) e che i media si guardano bene dal dare:
Si stima che la pressione con la quale il petrolio fuoriesce nelle acque del Golfo sia compresa tra 20.000 e 70.000 PSI (libbre per pollice quadro): una pressione impossibile da controllare. Si stima inoltre che la quantità giornaliera di petrolio che fuoriesce dal fondo marino sia compresa tra 80.000 e 100.000 barili di petrolio. Il flusso di petrolio e gas che fuoriesce ad alta pressione dal pozzo trascina con sé sabbia e roccia, i quali producono un effetto erosivo su quel che rimane di quest'ultimo e sul foro di uscita. Di conseguenza, il diametro continua ad allargarsi, aumentando la quantità di petrolio che fuoriesce. Qualunque dispositivo di contenimento piazzato sopra il pozzo non è in grado di resistere all'enorme pressione. Il petrolio ha ormai raggiunto la Corrente del Golfo e sta entrando nel ciclo della corrente oceanica, la quale è almeno quattro volte più forte della prima e lo porterà in giro per il mondo entro 18 mesi. Le possibili conseguenze di una tale alterazione dell'ambiente marino sono al momento imprevedibili, ma abbastanza
circostanziate negli effetti: alterazione permanente del clima mondiale.
Il petrolio, insieme ai gas, il benzene e svariate altre tossine, sta eliminando l'ossigeno presente nell'acqua, uccidendo tutte le forme di vita nell'oceano. Oltre al petrolio, sulle coste arriveranno quindi enormi quantità di pesci e altri animali morti, aggravando ulteriormente la situazione ambientale. Non ci saranno più tonni da mangiare in scatola e moriranno almeno due terzi delle specie ittiche nel mondo.
Una volta che l'intensa pressione avrà rimosso la testa del pozzo, il foro continuerà ad allargarsi e il petrolio potrà sgorgare liberamente nel Golfo del Messico, con una quantità stimata intorno ai 250-300 mila barili al giorno. Quando dall'enorme sacca che si trova 8 chilometri al di sotto del fondo oceanico saranno fuoriusciti svariati MILIARDI di barili di petrolio, la pressione inizierà a normalizzarsi. A questo punto la grande pressione dell'acqua alla profondità di circa 1.500 metri indurrà quest'ultima a penetrare nel buco e quindi nella sacca precedentemente occupata dal petrolio. Si stima che a quella profondità la temperatura possa raggiungere e forse superare i 200°C. L'acqua che penetra si trasformerà in vapore, creando un'enorme quantità di forza e sollevando il fondo oceanico. Difficile stabilire quanta acqua entrerà nella sacca e di conseguenza calcolare di quanto si potrà sollevare il fondo. È possibile che questo fenomeno crei uno tsunami con onde tra i 6 e i 25 metri, e forse anche di più. Dopodiché il fondo collasserà nella sacca ormai vuota: il modo con cui la natura sigillerà il buco. A seconda dell'altezza delle onde dello tsunami, i detriti oceanici, il petrolio e le strutture esistenti verranno spazzate lungo le coste e nell'entroterra, devastando completamente l'area per un'ampiezza tra gli 80 e i 300 chilometri. Anche rimuovendo i detriti, gli elementi contaminanti che rimarranno nel terreno e nelle falde acquifere impediranno la ripopolazione di queste aree per un imprecisato numero di anni, forse anche secoli.
Questo pauroso scenario si verificherà se non si vuole usare l'estrema razio: una detonazione nucleare da almeno 10 Megatoni. E' un fatto che tutti i tentativi sinora operati dalla BP per fermare la fuoriuscita di petrolio sono miseramente falliti, così come l'esistenza di un "cordone sanitario" attorno agli operatori impegnati nella zona che impedisce qualunque contatto con la stampa, i giornalisti, etc.
Questa è la peggiore ecatombe di tutti i tempi che sta letteralmente alterando e distrugendo il mondo che abbiamo conosciuto. Le conseguenze saranno immani: carestie, fame per la perdita delle specie ittiche e del raffredamento globale causato anche dal sole che porterà alla riduzione significativa di cibo disponibile. Rivoluzioni sociali, guerre, pestilenze. Il peggior scenario che si possa immaginare. Il tutto per l'arroganza e la stupidità di questo capitalismo terminale che crollerà come il comunismo. La sua ecatombe dentro a quella del Golfo.

Nessun commento:

NOTA SUL COPYRIGHT©

ARTICOLI DI PIERMAFROST SONO COPERTI DA COPYRIGHT . POSSONO ESSERE LIBERAMENTE DIFFUSI A PATTO DI CITARE L'AUTORE E IL LINK DELLA FONTE.