lunedì 22 aprile 2013

SBX ed X37-B

 parte delle cronache di questi giorni erano dedicate a quella che il sindaco di New York, Michael Bloomberg, è arrivato a definire la “tempesta del secolo”. Di sicuro, come giustamente puntualizza Massimo Mazzucco nel suo commento, l’uragano Sandy è stato una positiva “Sorpresa d’ottobre” per il vacillante Presidente Obama, che nell'immaginario collettivo statunitense è apparso come il comandante in capo di una nazione devastata, con oltre 1.500 km di costa distrutti fra la Virginia e il Massachusetts, e lo stato del New Jersey che ne ha fatto più vistosamente le spese. Questo scenario, a pochi giorni dalle elezioni presidenziali, ha inciso in misura significativa sul risultato finale, con la vittoria di Obama che lo si deve, come dicono molti osservatori, a questo evento.
Oltre a segnalare la sorprendente “conversione” a favore di Obama da parte di Chris Christie, governatore repubblicano del New Jersey nonché accanito sostenitore di Mitt Romney all’interno del partito repubblicano,che è stata la plastica sottomissione dell'opposizione al presidente in carica, ci sono prove evidenti che l'uragano Sandy è stato creato e/o dirottato artificialmente dal sistema HAARP, grazie anche a una robusta dose di irrorazioni chimiche clandestine.




La SBX (Sea-Based X-Band), è una piattaforma radar galleggiante basata sul sistema HAARP, presumibilmente utilizzata per intensificare e dirigere verso New York l’uragano, anch’esso peraltro creato artificialmente ad hoc. E non sarebbe nemmeno la prima volta: nel 2005 Katrina fu indirizzata verso New Orleans; nel 2010 la NASA riuscì a intensificare la Depressione Tropicale Earl sino a Uragano di Categoria 4 e “guidarlo” per 11 giorni, nell’ambito del Progetto GRIP (Genesis and Rapid Intensification Processes). Grazie a quest’ultimo, furono scoperte con precisione le esatte condizioni necessarie a innescare la trasformazione di una depressione tropicale in uragano. Detta in altre parole, la NASA stava sviluppando un vero e proprio sistema d’arma di distruzione di massa basato sulla modificazione del clima.


Le varie tecnologie impiegate dalla NASA per sviluppare, intensificare e dirigere un uragano comprendevano un potente radiometro a microonde, un radar e un LIDAR (un radar laser) appositamente progettato e costruito per essere montato su un grosso drone Global Hawks, da dove “scaldare” la parte superiore dell’uragano per indebolirlo e dirigerlo. Il radar utilizzato era per l’appunto l’SBX, piattaforma radar mobile in grado di operare con forti venti e mare mosso, la quale fa parte del Defense Department Ballistic Missile Defense System.
Curiosamente, nel 2005 l’SBX fu dislocato per 52 giorni nel Golfo del Messico, dove completò oltre 100 importanti test. La sua permanenza nel Golfo iniziò verso la fine di agosto e terminò il 14 ottobre, e si trovava lì proprio nei giorni in cui si formò l’uragano Katrina, il 23 agosto.
Molti scienziati di alto livello sono implicati in questi programmi dove sono di primaria importanza le attività di aerosol clandestine (scie chimiche) nell'ambito di questi progetti (se così vogliamo chiamarli) di modificazione climatica, citando le numerose testimonianze di persone che nei giorni coincidenti con l’arrivo di Sandy hanno notato imponenti operazioni di irrorazione nei cieli, del resto riportate da fotografie satellitari meteorologici civili ( adesso capite perché nelle previsioni del tempo non ci sono quasi mai immagini satellitari dirette?).

Le risorse economiche e tecnologiche investite in questo genere di progetti sono ingenti, e persino l’avanzatissimo “drone” X-37B, un veicolo spaziale orbitale teleguidato simile a uno Shuttle e coperto da un manto di segretezza, giocherebbe un ruolo primario in questo contesto. Il fatto che esso possa rimanere autonomamente in orbita per periodi fino a 270 giorni ne farebbe il candidato ideale per trasportare un sistema di antenne operanti nella Banda X (X-band, a cui farebbero riferimento anche le lettere della sua sigla: X e B) e “chiudere il cerchio” della perfetta triangolazione tecnologica (terra-mare-spazio) ottenuta insieme al sistema HAARP e la piattaforma SBX. Di sicuro, tutti e tre questi sistemi di modificazione climatica sono stati costruiti per un utilizzo militare e le loro caratteristiche ne fanno delle vere e proprie armi climatiche di distruzione di massa, in diretta violazione della Convenzione di Ginevra del 1977 che sancisce la proibizione di tecniche di modificazione ambientale per qualunque uso ostile o militare. D’altra parte, in questi tempi oscuri le varie convenzioni sottoscritte nella città svizzera valgono meno della carta sulla quale sono state vergate…

Nessun commento:

NOTA SUL COPYRIGHT©

ARTICOLI DI PIERMAFROST SONO COPERTI DA COPYRIGHT . POSSONO ESSERE LIBERAMENTE DIFFUSI A PATTO DI CITARE L'AUTORE E IL LINK DELLA FONTE.